lunedì 19 aprile 2021

..chissà cosa avrebbe detto Gianni Brustolin



 ..chissà cosa avrebbe detto Gianni Brustolin 


 
 
..chissà 
cosa avrebbe detto Gianni Brustolin alla vista di tanto ardore artistico...
Sicuramente e ne siamo certi, avrebbe portato cioccolatini alle signore.. poi col suo fare cortese e sornione avrebbe sciorinato il suo pensiero sull'opportunità o meno  di intaccare un'Opera d'Architettura..
Poi ancora avrebbe raccontato di Le Corbusier,  del suo approccio con l'Architettura, con l'Arte,.

Avrebbe raccontato del senso e del significato di fare murales e dove e il come ed il perchè: a cosa servono e quando servono. 
Si sarebbe cortesemente e col sorriso, dichiarato contro le mode effimere: contro tutte le mode e gli ammiccamenti facili, utili a risolvere problemi complessi con spot compiacenti.

Avremmo noi ringraziato  Gianni.
Avremmo detto grazie al suo rigore, alla sua intelligenza sapendo che  ci trovavamo di fronte ad una moda quella della così detta strettart e ad un operazione senza senso. 

Va detto che questo fenomeno di importazione prova a diffondersi, oggi in particolare, anche grazie alla facilità di penetrazione tra le maglie di amministrazioni che intravedono le possibilità facili di consenso e di aggregazione a buon mercato. 
Dobbiamo anche dire che questo fenomeno socio-culturale ha guadagnato spazio tramite le sue influenze sulla pubblicità e sui media. Le motivazioni che spingono tanti giovani in particolare ad intraprendere questo percorso non canonico dell'arte sono varie. 
Per alcuni è una forma di critica e occasione di contestazione contro la società, per altri invece è più semplicemente un modo per esserci, senza vincoli di gallerie e/o musei, quindi una maniera per promuovere il proprio lavoro e operare in piena autonomia. 
Da considerare poi una specificità non secondaria, la carica eversiva della street art in condizioni contro, sempre e di nascosto, senza autorizzazioni. 
Era questo il senso e l’essenza del fare street art. Con l'ingresso e l'uso massiccio di internet nel primo decennio del 2000, la street art si diffonde con grande facilità, e Arte di strada è riferita a quelle forme di arte che si manifestano in luoghi pubblici, come dicevamo illegalmente, con le tecniche più disparate: bombolette spray, adesivi artistici...ora invece e da noi tutto sembra soft..
 cui prodest?

PS.

Caro Gianni, 
ai tuoi cioccolatini e al tuo dire, questo avremmo sicuramente aggiunto...oltre a considerazioni che riguardano l'urbano, il recupero e il rigenerare, che è risaputo essere operazioni che  si praticano in luoghi abbandonati, marginali, di periferia. ....da rigenerare, da recuperare.
Ma oggi caro Gianni tutti fanno tutto e la confusione regna alla grande. 

Alle amiche artiste Piera Vertecchi e  Paola Acciarino  che si stanno impegnando su quella parete brutalista in cemento, i nostri auguri e buon lavoro!

Naturalmente siamo a Latina in Via san Tommaso D'Acquino 33 ed è qui che abbiamo avuto il nostro primo studio professionale: era il 1974 in un piccolissimo monolocale al primo piano dell'edificio brutalista . 
Il progetto a firma Architetto Riccardo Cerocchi con molto disegno di Gianni Brustolin...e sapore infinito della scuola Corbuseriana: una citazione forte per una città allora come oggi, alla ricerca di se stessa, della propria anima e di segni d'identità.

Nessun commento:

Posta un commento

E’ vietata la riproduzione, parziale o totale, in qualsiasi forma e secondo ogni modalità, dei contenuti di questo blog, senza l’autorizzazione preventiva dell’autore.
Tutte le interviste, gli articoli, e le pubblicazioni artistiche realizzate sono protette dal diritto esclusivo d’autore, e il loro utilizzo è consentito solo citando la fonte e autore e/o chiedendo il permesso preventivo dello stesso.