mercoledì 20 ottobre 2021

lo SPAZIO, il TEMPO, l'UTOPIA maack caso studio



 PROSSIMA  USCITA NELLE LIBRERIE


MASSIMO PALUMBO
lo SPAZIO, il TEMPO, l'UTOPIA
maack caso studio

palladinoeditore


…..Il libro racconta una storia lunga oltre trent’ anni… 
…essenzialmente il racconto di un’idea, di un progetto e il suo evolversi nel tempo. ..
La realizzazione di una utopia, il Maack a Casacalenda nel Molise con l’Arte Contemporanea tra le pieghe di luoghi antichissimi: 
…un caso studio, come detto da più osservatori e  l’esperienza del Maack è raccontata in convegni internazionali oppure è  oggetto di studi per tesi di laurea …
Un libro, per rivendicare   anche l’aver fatto parte, nello scenario italiano, delle esperienze che si sono situate ai margini, territoriali e disciplinari. 
Esperienze, promotrici di un decentramento della cultura che ha visto nelle periferie e nella provincia italiana un’«alternativa» alle città sconvolte dalle crescite infinite dei non luoghi. 
Progetti, questi, da leggere e da considerare come «opportunità di riscatto».  









…..Il libro racconta una storia lunga oltre trent’ anni… 
…essenzialmente il racconto di un’idea, di un progetto e il suo evolversi nel tempo. ..
La realizzazione di una utopia, il Maack a Casacalenda nel Molise con l’Arte Contemporanea tra le pieghe di luoghi antichissimi: 
…un caso studio, come detto da più osservatori e  l’esperienza del Maack è raccontata in convegni internazionali oppure è  oggetto di studi per tesi di laurea …
Un libro, per rivendicare   anche l’aver fatto parte, nello scenario italiano, delle esperienze che si sono situate ai margini, territoriali e disciplinari. 
Esperienze, promotrici di un decentramento della cultura che ha visto nelle periferie e nella provincia italiana un’«alternativa» alle città sconvolte dalle crescite infinite dei non luoghi. 
Progetti, questi, da leggere e da considerare come «opportunità di riscatto».  


______




Massimo Palumbo architetto, artista, promotore culturale. Interessato alle dinamiche incontro-scontro tradizione e innovazione, da attenzione alla partecipazione, alla progettazione di nuove ipotesi di sviluppo per tutelare la diversità delle comunità locali. Ama la trasversalità e il piacere delle contaminazioni: l'arte e l'architettura sono discipline ove la memoria gioca un ruolo fondamentale, i territori su cui si configurano sono sempre luoghi dello "spazio della memoria”. Del 2007 il libro su Franco Libertucci: “Franco Libertucci scultore Re, Regine, Alfieri, Torri, Cavalli” Edizioni Levante. L’utopia realizzata è il Maack a Casacalenda_Molise. Diversi i suoi interventi e presenze nell’area vasta tra arte e architettura. Nel 2012 è vincitore con “Hangar 3.0” del Concorso Nazionale di idee per la riqualificazione di Piazza del Popolo a Latina. Concorso a cura del Comune di Latina e dell’Ordine degli Architetti della Provincia di Latina. Del 2013 l’invito presso i Cantieri Culturali alla Zisa, a Palermo. E’ presente con “Vivi. Opere di Massimo Palumbo”, mostra a cura di Cristina Costanzo. Del 2016 “Un unico viaggio. Massimo Palumbo_Arte e Architettura (1970-2015)” a cura di Teresa Lucia Cicciarella a Barcellona presso il Reial Cercle Artistic. Nel 2017 NIHIL_NADA opere di Massimo Palumbo a cura di Joan Abellò Juanpere presso il Circulo de Bellas Artes a Madrid. Del 2019 “Autoritratto” a cura di Maria Arcidiacono ed Elena Donati progetto Macroasilo MACRO Roma. Nei primi di ottobre del 2020, la Giuria dell’IN/ARCH l’Istituto Nazionale d’Architettura, all’unanimità attribuisce il Premio BRUNO ZEVI 2020 per la Comunicazione Architettonica al: MAACK, Museo all’Aperto d'Arte Contemporanea Kalenarte.   Massimo Palumbo nasce nel 1946 a Casacalenda nel Molise. Risiede a Latina dove opera.

Nessun commento:

Posta un commento

E’ vietata la riproduzione, parziale o totale, in qualsiasi forma e secondo ogni modalità, dei contenuti di questo blog, senza l’autorizzazione preventiva dell’autore.
Tutte le interviste, gli articoli, e le pubblicazioni artistiche realizzate sono protette dal diritto esclusivo d’autore, e il loro utilizzo è consentito solo citando la fonte e autore e/o chiedendo il permesso preventivo dello stesso.